Bubbles in BAROLO

high_res

This past Saturday Matteo, John and myself went on an expedition in the Langhe, in Barolo more precisely, to research and to discover something unusual. It’s the land of the greatest wines in the world and one of the eleven municipalities where Nebbiolo can become Barolo DOCG, Cantina Social has been looking for a wine that’s well suited for this period; something that goes with the sun, high temperatures, a green garden and the shade of some nice tree, some fresh food, drinks with friends and especially the large amounts of fish eaten in all its forms and cooking, in a nutshell … BUBBLES !!

As we all know, there are some super areas suited for this type of wine both outside and inside of Italy (see the Oltrepo Pavese, Franciacorta, the Valdobbiadene area, Treviso and the Trento area). Instead of going to some of the obvious places, we like to go to discover smaller companies that are less known and which can transmit a different type of energy and emotion given the lack of history and tradition behind them. So, in the midst of the most suitable area in the world for growing Nebbiolo, surrounded by the famous hills overflowing with grapes that are starting to become that beautiful purplish color, the Barale family, headed by Mr. Sergio has begun to produce, just to “play around”, a metodo classico (classic method) deriving from Chardonnay and Pinot Noir, which comes from a vineyard planted in 1982 cultivated organically. It is bottled in the autumn after the harvest enriching the base of the wine with fresh mash of the new vintage. It is then aged in company’s underground cellars, which is literally located in the town center of Barolo. There is a minimum fermentation on the lees of 36 months before disgorging. The nice thing is, characteristic, and that makes us understand the love for every product that comes out of this cellar is the fact that they do the hand Remuage on classic pupitres.

Questo slideshow richiede JavaScript.

The production of this metodo classico is very limited, given the vocation for the great Nebbiolo-based wines, and we were lucky enough to taste the 2010 vintage in the cellar. Beautiful intense straw color with fine and persistent bubbles, a large nose and a rich bouquet reflecting the territory of the Langhe and fresh fruits with white pulp. Good persistence on the palate with a pleasant freshness and a nice full mouth. This evening at home instead we tasted exclusively the year 2011. Really a fantastic year for wine coming for the Langhe area. Identical color and persistence of perlage, aromas on the nose are a bit more pronounced but that can be attributed to the vintage. The majority of the acidity is due to the youth of the wine, since the wine was put on the market more recently. We decided to combine it with a plate of grilled shrimp cooked on our trusty Traeger Pellet Grill after a marinade made of ginger and lemon vodka (you can find the recipe here). The result was a fantastic pairing, the indirect cooking of the prawns on grill allowed the meat to remain soft and succulent. By not putting them on direct flame they didn’t develop the bitter taste that is created when the sugars caramelize expanding the frank taste of the prawns. The juiciness of the shrimp combines well with the acidity and carbon dioxide of SULLELANGHE and its persistence was matched with that of the marinade. It really is a fantastic wine that we would like to suggest for this August and September. You can find it in their wine shop at their winery in the center of Barolo, one step away from the main square, and make sure you check out their website and Facebook page too!

Happy Drinking

Sullelanghe

Questo sabato appena trascorso ha visto me, Matteo e John andare in spedizione nelle Langhe, più precisamente a Barolo, alla ricerca e alla scoperta di qualcosa di insolito. Terra dei più grandi vini del mondo e uno degli undici comuni in cui il nebbiolo può diventare BAROLO DOCG, Cantina social è andata alla ricerca di un prodotto che andasse bene per questo periodo; quando il sole, le alte temperature il verde di un giardino e l’ombra di qualche bell’albero chiamano cibi freschi, aperitivi con gli amici e soprattutto grande consumo di pesce in tutte le sue forme e cotture, in poche parole… BOLLE!!  Come ben sappiamo, ci sono zone estere super vocate a questa tipologia di vinificazione ed altrettante ne abbiamo in italia ( vedi l’Oltrepo Pavese, la Franciacorta, la zona di Valdobbiadene e Treviso e la zona di Trento), ma a noi piace andare a scoprire quelle piccole realtà che sono meno conosciute e che possono regalare più emozioni data la mancanza di storia  e tradizione alle loro spalle. Così, nel mezzo alla zona più vocata del mondo per l’allevamento del Nebbiolo, circondati  da colline famose straripanti di grappoli che incominciano a diventare di quel bel colore violaceo,  la Famiglia Barale, capitanata dal Signor Sergio si è messa a produrre, quasi per gioco, un metodo classico prodotto da uve Chardonnay e Pinot Nero derivanti da un vigneto messo a dimora nel 1982 coltivato a regime biologico, viene imbottigliato nell’autunno successivo alla vendemmia arricchendo il vino base con mosto fresco della nuova annata.  Viene poi affinato nelle cantine sotterranee dell’azienda, proprio sotto il centro del paese. La Permanenza sui lieviti per un minimo di 36 mesi prima della sboccatura. La cosa bella, caratteristica e che fa capire l’amore per ogni prodotto che esce da questa cantina è il fatto che facciano il  Remuage  a mano sulle classiche pupitres.

La produzione di questo metodo classico è molto limitata, data la vocazione dell’azienda per i grandi vini a base nebbiolo e noi abbiamo avuto la fortuna di assaggiare l’annata 2010 in cantina. Bellissimo colore paglierino intenso con un perlage fine e persistente, un naso ampio e ricco di profumi che rispecchiano il territorio delle Langhe e frutti freschi a polpa bianca. Un’ottima persistenza gustativa con un freschezza piacevolissima e una bocca bella piena. Questa sera a casa invece abbiamo assaggiato in esclusiva l’annata 2011. Davvero un’annata fantastica per i prodotti langaroli. Identico il colore e  la persistenza del perlage, i profumi al naso sono un po’ più accentuati ma riconducibili all’annata passata. L’acidità più spiccata è dovuta alla giovinezza del prodotto, visto che la sboccattura e l’emissione sul mercato sono più recenti. Abbiamo deciso di abbinarlo ad un piatto di gamberi alla griglia eseguita sul nostro fidato Bbq a Pellet della Traeger dopo una marinatura fatta di vodka zenzero e limone ( puoi trovare qui la ricetta). Il risultato è stato un’abbinamento fantastico, la cottura indiretta del gamberone sul BBQ ha permesso alla carne di restare soffice e succulenta e non averli passati sulla fiamma diretta non ha sviluppato quel gusto amarognolo che si crea quando gli zuccheri si caramellano ampliando la franchezza gustativa del gambero.La polpa succosa dei gamberi si sposa a meraviglia con l’acidità e l’anidride carbonica del SULLELANGHE e la sua persistenza gustativa andava di pari passo con quella della marinatura. Davvero un prodotto che ci sentiamo di consigliare per questo mese di agosto e per la lungaggine di settembre. Lo potete trovare all’interno del  loro wineshop presso la loro cantina nel centro di Barolo, ad un passo dalla piazza principale.

 

Buona Bevuta

Adriano

Ti invitiamo a seguirci sui nostri Social.

Twitter  Facebook  Instagram 

Qui potete trovare la scheda dettagliata del SULLELANGHE  e qui di seguito le parole del produttore Sergio Barale:

In the early 80s it became necessary to replant some areas of our farm, especially the area where we grow peaches and hazelnuts. We had to choose the best vines suited for these areas, which are predominantly sandy deposits and not heavy sun exposure. So my brother Carlo and I took a trip to Burgundy (which I think is the wine-growing region in Europe most similar to ours).
Our choice fell on Chardonnay and a variety of Pinot Noir, one that makes white wine. We were among the first of the Langa winegrowers to plant these vines that, in addition to being
inherently of great quality, it is well suited to the mineral soils of our hills.
The vineyard of Pinot Noir and Chardonnay from which today produce our metodo classico was planted in 1982 at the foot of the Castellero hill, a cooler and humid area that allows us
to prolong the harvest as late as possible, usually in mid-September. The long period of permanence on the plant allows the grapes to reach an ideal physiological maturity with a high concentration of flavors and fragrances.
The planting pattern is 3,500 vines per hectare; pruning on a high spurred wire, which helps give a good balance between wood and fruit, provides optimal flow of lymph to the clusters that allows for compact and of small dimensions. Of course, production is limited, but we are able to have high quality and a good concentration of sugar. The idea of making a bubbly floated around in 2005; I did not know what to do with that old Pinot Noir vineyard, that at the time was almost abandoned. Really I was going to uproot it, and then one day as I was looking at the vines, I was reminded of the words of my own father who said, “..un day guradandolomi was reminded of the words of my dad “don’t ever throw away anything”.
So that is when and how I really started to value those grapes from across the Alps making a sparkling wine that I called, “Sullelanghe.

Agli inizi degli anni 80 si rese necessario reimpiantare alcune aree della nostra azienda agricola,
in particolare le colture di pescheti e noccioleti.
Dovendo scegliere i vitigni che meglio si adattavano a queste zone con fondi prevalentemente
sabbiosi ed esposizione non eccessivamente assolate, io e mio fratello Carlo facemmo un viaggio
in Borgogna (che penso sia la regione viticola europea più simile alla nostra).
La nostra scelta cadde sullo Chardonnay e su una varietà di Pinot Nero adatta ad essere vinificata
in bianco. Fummo tra i primi viticoltori di Langa a impiantare questi vitigni che, oltre ad essere
intrinsecamente qualitosi, ben si adattano ai terreni minerali delle nostre coline.
La vigna di Pinot Nero e Chardonnay da cui oggi produciamo il nostro Metodo Classico venne
messa a dimora nel 1982 ai piedi della collina Castellero, una zona più fresca e umida che ci
consente di protrarre la vendemmia al più tardi possibile, solitamente verso la metà di settembre. Il
lungo periodo di permanenza sulla pianta permette alle uve di raggiungere una maturazione
fisiologica ideale con un’elevata concentrazione di gusti e profumi.
Il sesto di impianto è di 3.500 ceppi per ettaro; la potatura a cordone speronato alto che, avendo
un ottimo rapporto fra legno e frutto, consente un afflusso ottimale della linfa ai grappoli che si
presentano compatti e di piccole dimensioni. Naturalmente la produzione è limitata, ma si
raggiunge un’ottima qualità e una buona concentrazione zuccherina.
L’idea di fare una bollicina mi è balenata nel 2005; non sapevo più cosa fare di quel vecchio
vigneto di Pinot Nero ormai quasi abbandonato che avrei dovuto estirpare..un giorno guradandolo
mi vennero in mente le parole di mio papà “campa mai via niente!”.
Fu così che decisi di valorizzare quelle uve d’oltralpe facendo uno spumante che avrei chiamato
Sullelanghe.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: