#winestories_

“Vin-dredi” d’Alsace, Parliamo di Pinot Noir! -Ep. 08

Tutti i venerdì CantinaSocial ti porta alla scoperta della regione vitivinicola più piccola della Francia, l’Alsazia!

Oggi incontriamo l’unico vitigno a bacca nera che può essere coltivato in Alsazia e prendere parte alla AOC: il Pinot Nero.

Sebbene in Alsazia abbia trovato una regione in cui si esprime in maniera eccelsa, il Pinot Nero è un vitigno che in origine proviene dalla Borgogna.
Tuttavia le prime tracce di allevamento in Alsazia risalgono già al Medioevo e oggi occupa quasi il 10% del vigneto alsaziano.

Viene impiegato soprattutto per produrre i Cremant d’Alsace blanc de noir o i rosé, ma si può trovare anche vinificato in purezza, sia in versione giovane che affinata.

Come tutti i Pinot, il Pinot Nero, mostra una foglia orbicolare e ogivale, con i bordi frastagliati. È infatti difficile distinguere le diverse tipologie di Pinot solo in base alla foglia, ma in questo caso i grappoli sono compatti e cilindrici mentre gli acini sono circolari e mostrano una colorazione tra il violetto e il blu-nero, soprattutto con la maturità.

Per svilupparsi al meglio questa vite richiede temperature miti, ragion per cui non è eccessivamente diffusa in Alsazia, e dà il meglio su terreni argillo-calcarei.

IL PROFILO ORGANOLETTICO

Alla vista il Pinot Nero, soprattutto quello Alsaziano, mostra un rosso non molto intenso e abbastanza trasparente che per certi versi ricorda il Nebbiolo nostrano. Tuttavia il colore muta con l’affinamento, arrivando fino a un granato quando questo si prolunga significativamente.

La nota più interessante di questo vino si trova però al naso. L’aroma più distintivo è la ciliegia che si alterna alla mora e al ribes nero, lasciando un leggero fondo che ricorda la fragola. Quando fa legno piccolo tendono a prevalere le note più dolci, come la vaniglia.

Una volta in bocca il Pinot mostra un tannino morbido e delicato, pur mantenendo una struttura estremamente elegante. Raramente l’acidità prevale, ma piuttosto accompagna tutta la bevuta.

Si tratta di un vino estremamente beverino, soprattutto giovane, e piacevole che si può apprezzare anche a qualche grado sotto l’ottimale temperatura di servizio.

Per quanto riguarda l’abbinamento si presta ad accompagnare le carni, anche la selvaggina come il capriolo, la cui nota dolciastra finale si sposa bene con la struttura leggera del vino, o più semplicemente salumi o ragù di carne.

Ti invitiamo a seguirci su Instagram @cantinasocial per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità

Inoltre, ti invitiamo a visitare il sito https://www.vinsalsace.com/ per scoprire di più sui vini alsaziani.

Non perdere l’opportunità di scoprire tutto ciò che abbiamo da offrire e di diventare parte della nostra community di appassionati di vino. Ti aspettiamo su Instagram!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: